Promise kept, Mount Fishtail conquered

If you read my ramblings you might remember how I did mention Mount Fishtail few times(I was looking for the bottom hut HERE)…I dreamed about it, I feared it, I have been looking at it from the window of my lab the last two years, it doomed me…and the 17th of January I made it to the top(technically two tops aka the two tips of the “tail”).

…e continua in Italiano

It wasn’t going to happen without my friends support, not so crazy to lose myself in mountain parks alone yet, so thank you my beautiful brave(very fit for my pace)encouraging hiking girls!

It was December, maybe even November, we were back from Mount Sunday/Mount Riley, I was half dead in body, but not in spirit, we were drinking our post-hike electrolytes(somebody calls it beer…) and we started discussing the next hike. I can witness how an external observer would have been totally convinced to be looking at 5 CEOs planning the future of the world…on the table Iphones and Samsung’s agendas and discussion on future events and sitters bookings, it was intense, but a favourable day was picked.

It was an absolute first for me to have a crazy hike booked more than a month earlier(would seem totally me and control freak but I don’t usually do that). At that point I had to start training. I do my casual walking around, my weekly yoga classes, I even keep a calendar to write down my activities to nourish my guilt. But this was different. I have been thinking about this hike for a long time, I knew I wasn’t ready for it and I had enough time to fix myself. So why not? I did train, first time in my life I prepared for a mountain. I used all the possible moments to climb steep hills and do small mountains, with a solid worry that wasn’t going to be enough at all. My Bear patience and encouragement have been with me all the way(and he didn’t mind fishing while I was sweating uphill somewhere).

I studied the DOC page on the Fishtail like a mantra, was more an imagination trial though, not many details. Then I found this guy post and it kind of made me angry, timing seemed a bit unrealistic if you are not an athlete, but he gives details t least. My friend with super powers wasn’t going there for the first time, so she was the main source of information.

I got my big pack, rain jacket, a second set of merino layers, hat, gloves, few litres of water(even if the hut has a reservoir of rainwater)sunscreen, forgot the bug spray, chocolate, courage and food. Food is a very special chapter of this day, I am on a ketogenic diet and that was day 3 or 4. No carbs for me but lots of fat and proteins(and Gatorade)and it worked pretty well.

I know this is not a report for posterity but even just writing about it get me again so excited!

I slept barely 3 hours, full expression of being back to my-8-years-old-self-the-night-before-Christmas. We leave Blenheim at 5 and by 6 we are at Millers Flat(only attempt if you have a real 4wd, otherwise start from public carpark). It’s cold, sky covered of clouds, the dogs are fighting each other, I am feeling like crap. First hour runs along the river, quite a friendly start, nothing to worry about, yet. River crossing, freezing water that takes my breath away, we use sandals and live a pile by the river with our towels. And then the fun begins. The track becomes vertical and I need to head very quickly in my special mind-space. Everybody runs ahead and I find myself alone in the forest. It’s magical, silence, sun is coming out, the day will be a perfect 30 degrees one, blankets of old leaves and branches around and I can spot the clouds down in the valley(that’s a great sign, we are going up and up and up). The track is beautiful, well-marked, easy to walk(apart from the slope)the forest keeps changing and the group awaits me. After the first couple of hours the realisation of my steady and regular breath struck me, I am very slow but I am enjoying it and all the training I did is really helping me now.

It’s a very special space when you walk a track the first time, it’ll never feel the same, you don’t quite know what’s waiting ahead and you hold yourself and spare your energies. You know by now how long does it take you to climb 500 or 800 mt elevation and yet you underestimate yourself and I am doing much better that what I expected. Sheer joy.

I love now how this is an honest track, from the bottom of the valley, if you know what to look for, you can see the straight line of the track that zigzags on the ridge line climbing up like a bullet hitting the top. The first sight of a mountain you have coming out of the bush line, that’s your destination. No tricks, no confusing directions, no impostors.

The second reason why I loved this mountain is how it feels so far away from the valley, up top a majestic amphitheatre of naked boulders opens up to welcome you and you tip-toe in. Pillows of delicate mountain flowers are sprinkled all the way to the top. Your eyes can ride the clouds to the horizon far far away, more mountains, town looks like a child toy down below, you can just soak it all in and be thankful.

I’d love to go back, climb this grumpy and gorgeous giant once again before harvest, touch the sky, take in the horizons, stare at the North Island. Look back and build up a fantastic sense of achievement. I am happily addicted.

Now, whenever I spot my dear Fishtail from the valley, I have a special smile and whatever stands in my way…can’t be worst than a 11 hours hike with 3 hours of sleep, above 1500mt elevation, on a diet!

Will leave my pictures tell the rest of the story. Thank you for reading this very long post(if you made it to the end!).

Photos
Italiano

Il 17 di Gennaio dopo averlo sognato e temuto e sperato per un sacco di tempo, ho finalmente scalato il Fishtail, 1643mt di pura bellezza nascosta ed incuneata nel Mount Richmond Forest Park. Si è trattatao di una faccenda piuttosto personale. Alla fine di questo mese sono tre anni che vivo qui(devo andare a controllare il passaporto che non ci credo nemmeno io) e saranno almeno due anni che questa cima mi guarda(un po’ come la Gioconda), mi guarda e si prende gioco di me e mi sfida e mi intimorisce. 

In Novembre stavamo scalando il Mount Riley e il Mount Sunday(di cui avevo già scritto QUI) e a valle, mentre rigeneravamo la nostra dose di elettroliti(qualcuno in modo molto triviale direbbe che eravamo al pub a bere birra)tiriamo fuori le agende(eravamo tutte e 5 col cellulare alla mano, manco fosse un consiglio di amministrazione) e riusciamo dopo ore di discussioni a scegliere un giorno propizio per l’impresa ultima, conquistare il Fishtail. Torno a casa quella sera e nemmeno mi sembra vero, dopo due anni avevo una data. E li mi passo una mano sulla coscienza e decido che devo iniziare ad allenarmi se voglio avere una remota possibilità di sopravvivere all’impresa. 

Da quando ho compiuto gli anni l’anno scorso in Ottobre mi sono prefissata di fare più esercizio fisico, ho un calendario e tutti i giorni scrivo quello che faccio, che siano ore di cammino o le lezioni di yoga, mi aiuta avere una panoramica del mio tempo(e mi fa sentire in colpa se lascio giorni bianchi). Finora però non ho mai avuto una regola in tutto ciò, non ho mai avuto metodo o uno scopo. E mi trovo con un mese davanti e un obiettivo. Occasione perfetta per usare tutti i momenti liberi per arrancare su ripide salite e affrettarmi su montagne secondarie. Non mi aspettavo di divertirmi e provare tanta soddisfazione nel processo.

Allora il fatidico giorno arriva, la sera prima preparo tutto il possibile(tiro fuori lo zaino da 45 litri e cerco di non riempirlo ma ci vado vicina), e mi viene in mente papà la sera prima di ogni camminata in montagna che gira per casa e non fa altra che chiamare mamma e chiederle dove sia questa o quest’altra cosa di cui ha estremamente bisogno e poi è troppo emozionato e non riesce ad andare a dormire…io stessa cosa. Solo che io chiedevo a me stessa, dato che poche settimane prima avevamo traslocato, non era così scontato trovare le mie cose…

Alle 5 mi passano a prendere, alle 6 allaccio gli scarponi e si inizia a camminare. Nuvole che nascondono il cielo, fa freddo, i cani delle mie amiche litigano, io mi sento uno straccio. In più ho iniziato una dieta tre giorni prima. La prima ora è camminare nel bosco lungo il fiume, niente di terribile, anzi piuttosto piacevole. Finché il fiume lo dobbiamo attraversare (lo sapevamo) e la temperatura dell’acqua mi da la sveglia all’istante, meglio di un caffè ristretto. Ed è qui che l’avventura inizia e il sentiero si snoda verticale davanti a me. Tutti ma proprio tutti, persino la mia amica mamma di bimba di due anni che non ha mai camminato e ha deciso di venire per ragioni oscure a tutti, sono avanti a me. Non me la prendo, sposto il sentiero in quel prezioso spazio mentale che ti permette di continuare per ore e ore senza nemmeno accorgertene. Un passo alla volta, un respiro alla volta, la foresta cambia di continuo con l’altitudine, le nuvole sono sotto di me, il sole inizia a scaldare l’aria(anche troppo…) e io mi sento da dio, non mi manca il fiato, le gambe seguono la mente e le mie amiche non sono poi così lontane.

Due le ragioni per le quali mi sono innamorata di questo sentiero. Il primo è che il Fishtail è una montagna onesta. Se torni a guardare la foresta da giù a valle, riesci a seguire bene la direzione del sentiero, niente inganni, niente cambi di direzione che ti portano al disorientamento. Appena esci dai cespugli e sei tra le rocce vedi la cima, quella che devi raggiungere, non una massicciata di roccia qualsiasi che non centra niente con la tua camminata.

La seconda ragione è che in alto, sotto la valle, ti accoglie avvolgente un maestoso anfiteatro di roccia. Rocce nude, spaccate, grandi e piccole e tu sei una formica davanti alla regalità della montagna. Puoi solo essere grato di avercela fatta fin li e respirare a pieni polmoni. Gli orizzonti si allargano a dismisura, il cielo ti avvolge e ti circonda quasi a 360 gradi(non siamo ancora in cima) e il paese sembra un giocattolo, lontanissimo a valle.

Il rifugio sembra una miniatura, lasciato li per sbaglio da un gigante che gioca coi Lego. Si pranza e poi ultimo sforzo per raggiungere le due cime, free-style in mezzo alle rocce e senza sentiero. Pura gioia. Sono in piedi sul tetto del mio mondo.

Ho voglia di tornare prima della vendemmia, me ne sono accorta qualche giorno fa, è stata una giornata esaltante. Voglio toccare il cielo con un dito, abbracciare l’orizzonte in uno sguardo, guardare l’altra isola da lassù. Hai ammirato il tuo obiettivo, lo hai temuto, lo hai affrontato, lo hai conquistato, sei stata ricompensata con una delle sensazioni più potenti possibili. Credo si chiami dipendenza.

Ora qualsiasi cosa accada io mi proietto al 17 di Gennaio, quando ho portato a casa la mia cima dopo 11 ore di cammino, 3 ore di sonno, 1500 metri di elevazione da partenza ad arrivo e ritorno, tutto ciò essendo al quarto giorno di dieta…vi sfido a spaventarmi ora.

Grazie per avere avuto la pazienza di leggere questo fiume di parole, lascio alle foto raccontare il resto.
Photos
IMG_3421

IMG_3429

IMG_3437

IMG_3439

Can you spot the hut?(look in the middle)                                                                                                                                                                 Lo vedi il rifugio nel centro?
IMG_3505
I used this one for Instagram, but I really love it.                                  Ho usato già questa foto su Instagram, perdono!
IMG_3481
Peak n.1                                                                                                                                                                                                     Cima numero 1
IMG_3484
Peak n.2                                                                                                                                                                                                      Cima numero 2
IMG_3487
That’s quite a toilet here.                                                                         Non poteva mancare una foto della toilette più panoramica del parco.

 

IMG_3492

IMG_3494

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s