My sky track, Okiwi Bay

Hiking is becoming an addiction, maybe it was like that already and now I am fully acknowledging it with myself. I love it, I wanna reach the top, the peak, the end of the track, whatever is waiting for you hidden and hours away. My body disagrees with my thoughts. It doesn’t wanna push so hard at the beginning, is cautious, slow, one step at a time and maybe will get there. Powerful will overcomes body rhythms, and thanks for that. I do not wanna declare that training and smart preparations do not matter, not at all. You are not gonna go anywhere without water, good shoes, many wind/water/cold-proof layers, the right partner, food(and the list is not that simple, just not talking about hiking gear right now). But it’s your mind that makes the difference in the end, push yourself a bit more every time, gain confidence, listen to your heart beat, the slowly rising ache in your legs and put them aside, focus on the majestic scenery you are earning step by step, take breaks, keep believing, visualise the end in the back of your mind, the joy that will struck you once you made it.

Here all your options.                                                                                                                                    Tutte le destinazione possibili descritte in partenza.
THIS IS NOT a good weather to go hiking!
THIS IS NOT a good weather to go hiking!                                                                                                Non è una buona idea andare in montagna con questo tempo!
You gotta believe, and be lucky, and eventually the clouds will open up like this.
You gotta believe, and be lucky, and eventually the clouds will open up like this.                               Se ci credi e sei fortunata le nuvole voleranno via.
Kaikoura Range, first sight of it, and this is when you forgot all the struggles and steep steps you walked to get to the top.
Kaikoura Range, first sight of it, and this is when you forget all the struggles and steep steps you walked to get to the top.                                                                                                                                      Il primo scorcio del Kaikoura Range, ed è in questo momento che ti dimentichi di tutta la fatica e gli sforzi per arrivare in cima.
IMG_0670
And you get over the clouds…walking your way to the top!                                                                       Mi fa una certa impressione arrivare a camminare sulle nuvole, di solito le guardo dalla finestra dell’aereo.

Past Sunday we tried this track, weather was crap, it started raining after two yours, the track is steep and we realized the top was not going to happen. Last part not safe and slippery in a dangerous way. With wet feet and the worst rain jacket ever(looking for a good new one, now I know!) we went back to beginning. It was clearly not going to happen that day. But we had a feeling of it and two days ago the weather was promising, not perfect, morning clouds and unstable look in the sky. We were lucky, the sky opened up and that’s our day. Took us 3 hours and a quarter to reach the top of Mount Patutu (conservation says 4 and a half, up to your level of fitness and stubbornness..) and 2 and a half to go back down. Mission accomplished.

Camminare in montagna sta diventando un’ossessione, forse lo era già e solo ora sono qui a riconoscerlo con me stessa(e con voi). Lo adoro, voglio raggiungere la cima, la vetta, la fine del sentiero, qualsiasi cosa sia lì nascosta ad aspettarti a ore di distanza. Il mio corpo non è affatto d’accordo con le mie idee. Non vuole assecondare i pensieri. L’immagine che mi viene in mente è quella di un vecchio motore, non vuole partire, all’inizio fa tanta resistenza, cauto, lento, un giro alla volta e forse si arriverà a destinazione. Avere una volontà di ferro conta molto di più, e grazie a chi questa testardaggine me l’ha data. Non voglio nemmeno suggerire che una preparazione adeguata non conti, niente affatto. Non arriverai da nessuna parte senza acqua, buone scarpe, gli strati opportuni che ti proteggano da vento-acqua-freddo, la compagnia giusta e cibo…e la lista continua ma ma non è di questo che stiamo parlando. Alla fine la differenza la fanno i tuoi pensieri, il desiderio di spingersi sempre avanti, un passo, un centimetro, un millimetro alla volta, acquistando consapevolezza, ascoltando i battiti del tuo cuore, il dolore che sale lento dai tuoi piedi e avvolge tutto il tuo corpo, concentrarti sulla grandezza della natura attorno a te, ti sei guadagnato quel panorama, fermati, continua a crederci, proietta l’immagine della destinazione nella tua testa, la gioia che ti farà dimenticare tutto il resto una volta arrivato.

Top of the world.
Top of the world.

Domenica scorsa abbiamo provato questo sentiero, tempo terribile, ha iniziato a piovere dopo due ore e ci siamo accorte che non saremmo riuscite ad arrivare in cima. L’ultimo tratto non sarebbe stato sicuro, ripido e scivoloso a causa della pioggia. Con i piedi bagnati e il peggiore impermeabile possibile(te ne accorgi solo quando lo usi la prima volta per davvero, cioè mesi dopo averlo comprato) siamo dovute tornare a casa. Non era destino. L’altro giorno il cielo si è mostrato perlomeno probabile, non perfetto, una trapunta di nuvole grigie e un umore capriccioso. Siamo state fortunate(e abbiamo controllato le previsioni su tre siti diversi…), le nuvole sono volate via e la giornata è stata perfetta. Il nome reale della cima sarebbe Mount Patutu, ribattezzato Monte Patata, 3 ore e un quarto fino in cima, 2 e mezza fino a valle, 1162 slm, partendo da 0! Missione compiuta.

It is not easy to show in a picture how steep the last part of the track was, but this shot gives you a good idea. the tiny line at the bottom is the start of the "goat track" section, where you have to study each single step and look for the track itself. E' difficile rendere l'idea con una foto di quanto il sentiero fosse ripido nell'ultima parte, la paragonerei ad una cresta. La sottile linea sul fondo è l'ultimo tratto di sentiero comodo.
It is not easy to show in a picture how steep the last part of the track was, but this shot gives you a good idea. the tiny line at the bottom is the start of the “goat track” section, where you have to study each single step and look for the track itself.
E’ difficile rendere l’idea con una foto di quanto il sentiero fosse ripido nell’ultima parte, la paragonerei ad una cresta. La sottile linea sul fondo è l’ultimo tratto di sentiero comodo.
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s