Places in the heart

I live at the end of the world now,  I remember very well where I have been before, I dream about where I would like to be and go. What do I miss, what makes me happy?

Has been a while that the concept of “home” fascinates me. Your home is decided by you and your happiness is braided to your wishes, your memories, your habits.

Today I am trying to put together a list of my special places; recollecting with joy my “first home” while I am building the actual one. I started working on it with a notebook and a pen, old style, always the best way to focus and organize my thoughts. After the first two lines I realized all my special places are flavors, tastes, photographic memories of somewhere I’ve been very happy.

My English in this post feels exactly like my language skills during an argument, can’t find the perfect words to make my point crystal clear, but trying hard, I guarantee you!

My special places, some of them at least.

  1. September during harvest at home, harvest in my dad’s cellar in Abruzzo. I love getting ready for it, being part of the big circus since I was a small kid. I was just tall enough to reach the crusher control panel with no clear understanding of the process and I grew up perfectly skilled to debate arguments with my dad…! The first trucks is always blessed with a toast, bubbles and a slice of cake. When harvest starts you kind of hold your breath until it ends.

    Dedicated to my Bear, he knows why.
    Dedicated to my Bear, he knows why.
  2.  Yoga practice with my teacher, the first person who introduced me to it, when I had no idea she was going to become very precious to me. You share the same room, work on a vinyasa flow, it is perfection, beauty, energy; happening soon, I hope. After lesson we use to drive to the Flying Chicken, enjoying freshly made yoghurt, chatting for hours and in the end you have an air bubble in your head, what you talked about?! No clue, but random happiness.

    Trikonasana or Triangle Pose.
    Trikonasana or Triangle Pose.
  3. Sicily is a different story, it’s in your head, in your heart, under your skin, because of two strong women, the perfect couple that scare the hell out of each single human being listening to our Skype conversations, we are not screaming, we are not fighting, we got one million and one things to say, all together, very important, at the exact same time! I would love to restart our talk on the waterfront, sitting in the sun with a granita al limone by the Zio Aurelio Bar, maybe a couple, with no need to look at the time and at the three international flights I will need to get there.

    Sciacca from the port.
    Sciacca from the port.
  4. The Golden Banian Kitchen, an idea and a location at the same time. My old-time ever-lasting girl-friend, the most serious and challenging shopping list of the year(where do you think I picked up my time and process management skills?..plus a German heritage that kind of help…), running in circles in the supermarket lanes, while complex calculations for lasagna layers are on going, getting lost in the giant pots and pans cave and finding each other at the end of the night when all is well that ends well. We often trust the post services all over the world, pair socks on the drying rack, have the same Lonely Planet OCD and we shared a tiny yellow ticket and cried and laughed together. Perugia.

    One of the many glorious pumpkin...
    One of the many glorious pumpkin…
  5. Rome and the Trevi Fountain, has been mentioned over and over, already seen, and still amazing. There are not many cities on planet Earth where you aim to get lost in a summer time day, walking at your own pace, looking around, looking up in the air, observing humanity, cats, the sudden silent spots, two steps from the crowd. The fountain is one of my favorite spot in Rome, I made an incredible number of wishes here, they all came true. In Rome there is one of my angel, kind smile and kind heart(kinder than mine for sure)that is now looking after her little baby.

    I cannot find the fountain, but stepped into this pic of a lazy night spent together roaming the center, here is Altare della Patria.
    I cannot find the fountain, but stepped into this pic of a lazy night spent together roaming the center, here is Altare della Patria.
  6. Berlin for many reasons. My brother and one of the best time of our life spent together, a city that is an history book wide open under your steps, a culture source, past, present and future surrounding you. Living in Germany and experiencing how it is home as much as Italy. Berlin and the walk toward the Brandeburg Gate from the Humboldt University. Berlin is a promised trip, not yet lived and absolutely not forgotten.

    Brandeburg Gate
    Brandeburg Gate
  7. Breakfast by Bauli, possibly with risini(sweet pastries made of shortbread and creamy rice) the special ones they run out first because everyone loves them, planning a wild shopping day, ending up tired sipping spritz, cooking sfilacci and rucola, Oppeano, Cerea, the Garda Lake, in few words Verona and one of the dearest voices I might wish to listen.

    Piazza Erbe, in the heart of Verona, from Torre dei Lamberti.
    Piazza Erbe, in the heart of Verona, from Torre dei Lamberti.
  8. A14 highway, driving the Italian East coast from top to bottom, driving home from the south and that special spot along the way where you can admire for the first time the Maiella Mountains, just then it tastes like home, when in front of your eyes there is the same scenery that greeted you outside your childhood bedroom window every morning, as far as you can remember.

    A sight of the gorgeous Abruzzo Mountains, the Gran Sasso Range seen from Maiella.
    A sight of the gorgeous Abruzzo Mountains, the Gran Sasso Range seen from Maiella.
  9. Venice is a feeling more than a city. Venice is sad and majestic, desolate and charming. She is the end of a perfect day spent exploring calli and meeting an Art History professor to ask for directions. Been there before sunset and during the evening, before Carnival spying on preparations, summertime you run away from tourists, from people leaving through the lens of a camera.

    Just the way it is, charming and decadent.
    Just the way it is, charming and decadent.

That’s not all, a good start indeed, a thought for each single special place and whoever made it so…alone would never ever been the same!

Dove sono, dove sono stata, dove voglio essere, dove sarò. Cosa mi manca, cosa mi rende felice.

Qual è la tua casa? Cosa la rende tale? Tu, i tuoi desideri, i tuoi ricordi, i tuoi riti.

Oggi voglio provare a mettere assieme una lista dei miei luoghi del cuore; voglio farlo con gioia, consapevole di quanta ricca io sia nella mia “prima casa” mentre mi impegno a costruire la seconda. Ho iniziato come al solito, penna e foglio di carta, da sempre il modo migliore per me di tirare fuori quello che ribolle dentro. Dopo sole due righe mi rendo conto che i miei luoghi del cuore sono i sapori, le fotografie dei miei posti preferiti, che tali sono per la felicità che mi hanno regalato, gli affetti.

I miei luoghi del cuore, alcuni perlomeno, mappa geografica e temporale.

  1. E’ settembre e nell’emisfero nord del mondo questo vuol dire vendemmia. La mia vendemmia è quella di casa, è Abruzzo, la cantina di papà, i preparativi, esserne parte fin da quando ero alta abbastanza da raggiungere a malapena i pulsanti della pigiatrice e poi grande a sufficienza da rispondere a tono in tutti i deliziosi scambi di opinione relativi alla logistica. Il rito del primo trattore della stagione con mamma che prepara i dolci e noi che lo benediciamo insieme con lo spumante. Essere a casa e avere sempre un orecchio rivolto alla cantina, ai rumori di fondo, al telefono che può squillare da un momento all’altro. Decidere quando fare il vino per casa e farlo con la pressa idraulica tutto a forza di braccia e mal di schiena.
  2. Praticare yoga con la mia insegnante, la prima persona che mi ha fatto conoscere ed amare questa disciplina, che è diventata una delle mie persona speciali. Essere nella stessa stanza e procedere col vinyasa, perfezione, bellezza, energia, presto, spero. E poi correre alla Gallina Volante a mangiare yogurt, parlare per ore e alla fine avere quella sensazione di bolla d’aria nel cervello perché se qualcuno ti chiedesse di cosa avete parlato tu non sapresti rispondere, ma sai di essere felice. Che è lo stesso filo conduttore delle conversazioni con tutte le mie persone speciali.
  3. La Sicilia è un capitolo a parte, ti entra nel cuore e ci resta, a causa delle tue amiche, la coppia perfetta che terrorizza qualcuno ogni volta che le sento su Skype, non stiamo gridando, non stiamo litigando, abbiamo solo un milione di cose da darci, tutte insieme, tutte importanti, tutte in contemporanea. Vorrei riprendere la conversazione sedute alla marina, a mangiare la granita dello Zio Aurelio, magari mangiarne un paio, dimenticandosi l’orologio e la geografia.
  4. La cucina del Banano d’Oro, anche qui un concetto e un luogo allo stesso tempo. La mia socia in assoluto, la lista della spesa più importante e difficoltosa dell’anno(dovete credete abbia imparato tutto riguardo a logistica e tempistica, a parte la non indifferente eredità genetica…?), rincorrersi tra le corsie del supermercato, fare calcoli quantistici sugli strati di lasagne, perdersi nella grotta delle pentole giganti e ritrovarsi a fine serata quando tutto è andato come doveva. Affidarsi spesso e volentieri alle poste di tutto il mondo, stendere i calzini accoppiati, la Lonely Planet, condividere un piccolo biglietto giallo e piangere e ridere assieme. Perugia.
  5. Roma e la Fontana di Trevi, banale, ripetuto un milione di volte, già visto, non per questom meno speciale. Credo siano davvero poche le città al mondo in cui vorresti perderti in un giorno di fine estate e camminare con calma, guardarti attorno, guardare per aria, osservare le persone, i gatti, gli improvvisi momenti di silenzio a un passo dalla folla. La Fontana di Trevi è uno dei miei posti preferiti, ho espresso un considerevole numero di desideri, tutti avverati. Roma è anche uno dei miei angeli, un angelo sorridente, dal cuore estremamente gentile(molto più del mio!) che al momento si sta prendendo una gran cura del suo cucciolo. Quando voglio ricordarle i tempi del liceo le dico sempre che non conosco nessuno cosi fenomenale nel mettersi l’eye-liner!
  6. Berlino per diverse ragioni. Mio fratello e uno dei periodi più belli passati insieme, una città che è un libro di storia e cultura aperto davanti a te come mai avrei potuto immaginare, passato, presente e futuro ti circondano e abbracciano. Sentire e vivere come anche la Germania sia casa. Berlino e camminare dal retro della Humbold fino alla porta di Brandeburgo. Berlino e un viaggio promesso, non ancora vissuto e niente affatto dimenticato.
  7. La colazione alla Bauli, possibilmente con i risini che non si trovano mai perché finiscono troppo presto e li adorano tutti, pianificare una giornata di shopping selvaggio e finire esauste a bere spritz, “cucinare” sfilacci e rucola, Oppeano, Cerea, il Lago, in poche parole Verona e una delle voci più belle che io possa ascoltare.
  8. La A14, quella lunghissima autostrada che accarezza l’Italia sul fianco destro e la avvolge tutta da Nord a Sud, guidare rientrando a casa da Sud e quel punto particolare della strada in cui per la prima volta riesci a vedere la Maiella, solo allora ti senti davvero a casa, quando davanti ai tuoi occhi hai lo stesso panorama che ti ha accolto fuori dalla finestra della tua stanza per anni.
  9. Venezia più che un luogo è una sensazione. Venezia è triste e maestosa, desolata e bellissima. E’ la fine di un giorno perfetto passato a perdersi tra le calli e trovare un esperto di storia dell’arte a cui chiedere la strada perduta. Essere lì prima del tramonto e di sera, prima del Carnevale e spiarne i preparativi, d’estate ma girando alla larga dalle orde di turisti, da quelli che vivono attraverso le lenti di una macchina fotografica.

Non è tutto ma è un inizio, un pensiero a tutti i luoghi del cuore e a tutti coloro che li hanno resi tali…da sola non sarebbe mai stata la stessa cosa!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s